*Creiamo un “database” di ricette tipiche a disposizione di tutti

logo-definitivo-xp.gifcuoco2.jpgcuoco4.gif 

Utilizziamo questa categoria del Blog per condividere le nostre ricette tipiche. Scriviamo insieme le ricette dei piatti tipici della nostra regione, paese e, perchè no, della nostra nazione. Inoltre è possibile utilizzare questa pagina anche per CHIEDERE la ricetta di un particolare piatto tipico. Qualcuno potrebbe pubblicarla e condividerla con noi!

25 Risposte to “*Creiamo un “database” di ricette tipiche a disposizione di tutti”

  1. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Alba
    2/3 di brandy Vecchia Romagna, 1/3 di succo d’arancia, un cucchiaino di framboise
    Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con una piccola buccia d’arancia

  2. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Arc de Triomphe (Long-drink)
    Metà di succo d’ananas, ¼ di brandy Stock 84, ¼ di orange
    Si prepara nel mixing glass con alcuni cubetti di ghiaccio cristallino versando brandy e orange. Mescolare con cura e quindi servire nei tumblers completando con succo di ananas e decorando con una ciliegina al maraschino

  3. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Brandy al Milk Punch (Long-drink)
    Per 2 persone
    2 cucchiaini di zucchero, 2 bicchierini di brandy, 4 bicchierini di latte freddo, 6 cubetti di ghiaccio, un po’ di noce moscata
    Mettere lo zucchero e il brandy nel mixer e mescolare con il cucchiaino lungo. Unire il latte freddo e il ghiaccio, mescolare ancora e versare in un bicchiere da long-drink. Aromatizzare con noce moscata.
    E’ una bevanda nutriente e allo stesso tempo dissetante

  4. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Brandy Crusta Per 2 persone
    6 cubetti di ghiaccio, 2 bicchierini di brandy, 2 cucchiai di sciroppo di zucchero, 2 spruzzi misti di succo di limone, angostura e maraschino, 2 spicchi d’arancia, un cucchiaino di zucchero, buccia d’arancia a spirale
    Mettere il ghiaccio, lo sciroppo di zucchero, il brandy, il limone, l’angostura e il maraschino nello shaker e agitare bene. Sfregare il bordo del bicchiere con uno spicchio di arancia e intingerlo subito nello zucchero perché si attacchi. Versare il cocktail nel bicchiere così preparato e decorare con la buccia d’arancia tagliata a spirale

  5. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Brandy Fix (Long-drink)
    Per 2 persone
    6 cubetti di ghiaccio, il succo di un limone, mezzo bicchierino di cherry brandy, un bicchierino di brandy, 2 fette di limone
    Frantumare il ghiaccio, metterlo in un bicchiere da long-drink. Versarvi sopra il succo di limone, lo cherry brandy e il brandy. Mescolare e decorare con una fettina di limone. Servire con cannuccia

  6. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Brandy Flip
    Per 2 persone
    6 cubetti di ghiaccio, 2 rossi d’uovo, 4 cucchiaini di zucchero, 2 bicchieri (da cocktail) di brandy, noce moscata
    Mettere il ghiaccio nello shaker insieme con i tuorli d’uovo, lo zucchero, il brandy e scuotere con decisione. Versare nel bicchiere da flip e spolverizzare con noce moscata grattugiata al momento

  7. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Friul Sera
    3 bicchierini di brandy, uno di apricot brandy, succo di pompelmo
    Preparare nello shaker con 3 cubetti di ghiaccio. Servire decorando ciascun bicchiere con una ciliegia marasca

  8. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Gemelli
    2/4 di brandy Riserva Ramazzotti, ¼ di liquore San Cristoforo, ¼ di succo di limone
    Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati con oliva verde di Spagna

  9. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Gentleman
    1/3 di brandy Gambarotta, 1/3 di Peppermint Bianco, 1/3 di succo d’arancia
    Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con una ciliegina rossa al maraschino

  10. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Julia
    2 bicchierini di brandy, 2 bicchierini di cherry brandy, un bicchierino di granatina, succo di mezza arancia, 3 cubetti di ghiaccio
    Agitare fortemente nello shaker.

  11. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Liuba
    ½ di brandy Florio, ¼ di vermouth rosso Cora, ¼ di succo d’arancia
    Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con una ciliegina rossa al maraschino

  12. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Mezzanotte
    3 bicchierini di brandy, un bicchierino di whisky, 2 bicchierini di cherry brandy, 2 gocce d’angostura
    Preparare nello shaker con 3 cubetti di ghiaccio e servire nei bicchieri da cocktail

  13. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Pampados
    ¾ di brandy Fundador, ¼ di Grand Marnier, gocce di Bitter Campari, gocce di succo di limone
    Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati con sprizzo di buccia d’arancia

  14. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Prestigio
    1/3 di Rosso Antico, 1/3 di brandy Royal Stock, 1/3 di succo d’arancia, gocce di succo di limone
    Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con un angolo di fettina d’arancia

  15. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Vecio Fogolar
    3 bicchierini di brandy, un bicchierino di grappa stravecchia, 6 gocce di crema di menta, una buccia di limone, 2 gocce di angostura
    Preparare nello shaker con cubetti di ghiaccio e servire nei bicchieri da cocktail

  16. Alessandro Di Fabio Says:

    COCKTAILS A BASE DI BRANDY
    Vincente
    ½ di brandy Osborne, ¼ di vermouth bianco, ¼ di succo d’ananas, gocce di Bitter Campari
    Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con un dadino d’ananas

  17. Luciano Says:

    Dopo aver constatato con rammarico che questa sezione di ricette sta assumendo un connotato di istigazione all’alcolismo, propongo una semplicissima ricetta, da fare al volo quando si torna la sera tardi e non si ha niente in frigo.
    Offro questa tipica ricetta dell’Abruzzo Ulteriore (TE) in cambio di qualche ricetta dell’Abruzzo Citeriore (CH-PE), in nome della fratellanza tra le provincie abruzzesi (detto da un ex-teramano e neo-teatino-pescarese)

    LE VIRTU’
    Ingredienti:
    • g 300 di pasta secca (mista, di più formati)
    • g 400 di carni miste di maiale (prosciutto, zampetto, cotenne, orecchio, musetto, lardo, pancetta, osso di prosciutto)
    • g 250 di legumi secchi (fagioli, lenticchie, ceci)
    • g 200 di legumi freschi (piselli, fave)
    • g 600 di verdure fresche (indivia, scarola, sedano, carota, zucchine, patate, cavolo, cicoria, spinaci, bietola)
    • g 120 di prosciutto crudo, tagliato a dadini
    • g 40 di lardo pestato
    • 1 cipolla tritata
    • 2 spicchi di aglio tritati
    • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
    • un mazzetto di foglioline di mentuccia
    • un ramoscello di maggiorana
    • un ramoscello di finocchio selvatico
    • un ciuffetto di timo
    • 3 foglioline di salvia
    • olio extra vergine di oliva
    • noce moscata
    • formaggio pecorino
    • sale e pepe
    Esecuzione della ricetta:
    Mettete a bagno i legumi secchi già la sera precedente, ognuno per conto suo, con l’aggiunta di un pizzico di bicarbonato. Pulite e lavate le verdure fresche, quindi tagliatele grossolanamente. In acqua bollente scottate le cotiche, il guanciale e l’osso del prosciutto, per almeno un’ora. Sempre separatamente lessate i legumi ammollati in acqua bollente, appena salata, conservandone l’acqua. Così fate anche con i legumi freschi. Dopo aver nettato le carni di maiale (fiammeggiandole per eliminare setole e sporcizia), passatele nella pentola grande, per cucinarle in acqua bollente, badando di schiumare ogni tanto. Scolatele, tagliatele a pezzetti e rituffatele nel brodo, eliminando l’osso del prosciutto. A questo punto unite i legumi con le rispettive acque del bollore e le verdure, poi proseguite nella cottura, a pentola semicoperta. Ora, a parte, in una casseruola, fate rosolare nel burro e in poco olio il trito di lardo e la dadolata di prosciutto, insieme a tutte le verdure odorifere, regolate di sale e pepe e lasciate insaporire, mescolando più volte. Questo soffritto aggiungetelo al brodo di verdure e riportate il bollore. Infine calate la pasta, secondo il criterio di mettere prime quella più lunga o di maggiore spessore. Servite le virtù con spolvero di pepe appena macinato e un filo di olio buono. A disposizione dei commensali, portate in tavola il formaggio pecorino e la grattugia.

  18. Paoletto Says:

    ciao… scusa, ma la fichissima ricetta di “Luciano”
    • g 300 di pasta secca (mista, di più formati)
    • g 400 di carni miste….. insomma, alla fine son più di 2 kg di cibo… si puo sapere per quante persone basta? e come si chiama la ricetta?

    comunque il blog è fichissimo! credo sia un bel mazzo aggiornarlo!!! buon lavoro!!!
    Paoletto

  19. Luciano Says:

    La ricetta è un mega minestrone che si chiama proprio “le virtù”, ed è talmente elaborata che si prepara solo una volta l’anno (il primo di Maggio credo) per tutta la famiglia, parentela inclusa. Addirittura la tradizione dice che si devono utilizzare 7 tipi di paste, 7 tipi di carni, 7 tipi di legumi secchi, 7 tipi di legumi freschi, 7 tipi di verdure, 7 tipi di erbe, insomma tutto quello che si riusciva a reperire nella dispensa e durante la stagione. Doveva essere qualcosa tipo rito propizatorio per l’abbondanza del cibo.

  20. Francesco Says:

    La ricetta di Luciano dev’ essere davvero buona…devi averci un week end a disposizione per prepararla e la tredicesima da sputtanare per comprare tutti gli ingredienti, però ispira davvero.
    La proverò e vi farò sapere!

  21. Monia Says:

    PANELLE DI CECI ( specialità popolare siciliana )

    Ingredienti per 4 persone: 500 G Farina Di Ceci – 1 Mazzetto Prezzemolo Tritato – Per Friggere: – Abbondante Olio Di Semi

    Preparazione: Prendete una pentola, versatevi un litro d’acqua circa e ponetela sul fuoco lento. Unite a pioggia la farina di ceci, salate e mescolate continuamente fino ad ottenere un impasto denso che si staccherà dalle pareti della pentola. Spegnete il fuoco ed aggiungete parte del prezzemolo, quindi versate il composto su un piano di marmo precedentemente inumidito e con una spatola bagnata allargate in modo da ottenere una superficie uniforme di circa tre mm di spessore. Fatelo raffreddare e tagliate a rettangoli. Friggete in abbondante olio caldo fin quando il rettangolo non raggiunge un bel colore dorato.

    I palermitani mangiano pane e panelle, cioè alcune panelle fritte, ancora calde, entro il pane appena sfornato, tagliato a metà …

    Buon appetito !!!

  22. Monia Says:

    ARANCINI AL RISO (piatto tipico sicilia e calabria)
    sfizioso …

    Ingredienti: per 6/8 persone

    1Kg di riso;
    + piselli;
    + uova sode;
    + provola;
    + sugo;
    + carne macinata;
    + cacio cavallo grattugiato.
    Procedimento:

    Bollire il riso, salando a propria discrezione.

    A cottura ultimata, impastare il riso con il sugo, il formaggio grattugiato e tre uova sbattute che fungono da collante.

    Fare delle palline di riso con dentro dei pezzetti di uovo sodo, provola, carne macinata e piselli.

    Passare poi l’arancina nell’ uovo sbattuto, poi nella mollica e infine friggerla in abbondante olio.

  23. Monia Says:

    questa ricetta che vi propongo è un’altro sfizioso piatto in alternative alle solite polpette di carne macinata !! non so da quale regione provenga 😉 a me l’ha passata un’anziana vicina di casa …. 🙂
    POLPETTE DI MELANZANE

    * 6 melanzane
    * 2 uova
    * sale
    * noce moscata
    * pan grattato q.b.
    * formaggio grana
    * aglio (tagliato il più finemente possibile )
    PROCEDIMENTO :
    dopo aver lavato le melanzane tagliarle a dadini
    di media dimensione e farle bollire per almeno 10-15 minuti.
    scolarle bene io consiglio di fare questa operazione almeno 5-6 ore prima . Lasciar raffreddare e macinarle con il passapomodoro , aggiungere all’impasto le uova ,il sale, il formaggio, la noce moscata, l’aglio e da ultimo il pan grattato. formare delle polpettine e passarle nel pan grattato friggere in olio abbondante.

    Ps- è un modo per far mangiare la verdura a chi non la mangia … .se non dici di cosa son fatte difficilmente riescono a capire….

  24. laura Says:

    ottimi spunti di ricette…ne proverò qualcuna sicuramente. grazie

  25. Il cuoco napoletano Says:

    PRIMI PIATTI

    <p>PACCHERI ALLA MEDITERRANEA – Ricetta per 6 persone</p>
    <p>• 500gr di paccheri<br />
    • 150gr di tonno in olio d’oliva scgocciolato<br />
    • 1 spicchio di aglio<br />
    • prezzemolo<br />
    • origano<br />
    • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro<br />
    • 1 cucchiaio di farina<br />
    • 200 ml. di latte<br />
    • 4cucchiai di burro<br />
    • olio<br />
    • sale<br />
    • peperoncino<br />
    • pecorino </p>
    <p>Preparazione<br />
    Scaldate il forno a 180 gradi e portate ad ebollizione una pentola con acqua salata.<br />
    Scaldate una padella con tre cucchiai di burro e l’aglio. Fatelo imbiondire a fiamma bassa e poi toglietelo.<br />
    Aggiungete nella padella la farina e mescolate con una frusta, unite il sale e il latte, mescolate bene e aggiungete, fuori dalla fiamma, il concentrato di pomodoro, il peperoncino, l’origano, il prezzemolo e il tonno sbriciolato: lessate i paccheri nella pentola con acqua salata e scolateli al dente (cuocete per 8 min.) e raffreddateli sotto l’acqua corrente, versateli in una pirofila e conditeli con dell’olio mescolandoli.<br />
    Quindi disponeteli nella teglia in piedi, uno accanto all’altro, apriteli con un dito e riempiteli con il condimento preparato, spolverizzate con pecorino e qualche fiocco di burro rimasto. Infornate per 20 minuti, servite subito. La salsa di questo condimento puo’ essere usata anche per condire una pasta senza infornarla, creando una salsa densa.</p>


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: